8 destinazioni di viaggio per il mese di aprile 2018

Se siete alla ricerca di qualche destinazione di viaggio per aprile 2018, abbiamo avuto il piacere di selezionare per voi 8 alternative che potrebbero fare al caso vostro per varietà e gusto. Cominciamo con l’Egitto: con la diminuzione della violenza nel paese, lo scorso anno il numero di turisti in Egitto è cresciuto del 51%. I turisti possono visitare monumenti antichi come le Piramidi di Giza o qualcosa di più moderno, nella Capitale e non solo.

Isole Marianne Settentrionali. È un’area statunitense che ha visto una crescita turistica del 37% nell’ultimo anno. L’arcipelago tropicale, a nord est di Guam, è noto per i suoi casinò e le spiagge con le palme.

Tunisia. La Tunisia si sta riprendendo dagli attacchi terroristici del 2015. Lo scorso anno il Paese ha registrato un aumento del 33% dei turisti, che stanno tornando a riscoprire il Paese, le sue spiagge e la sua antica storia.

Uruguay. Nell’ultimo anno 3 milioni di persone hanno visitato il Paese, con un aumento del 30% rispetto all’anno precedente, secondo l’UNWTO. Assicuratevi di visitare la capitale di Montevideo, ne vale la pena.

Nicaragua. Circa 1,5 milioni di persone hanno visitato il Nicaragua lo scorso anno, con un aumento del 28% su base annua. È una destinazione centroamericana accessibile e meno affollata della vicina Costa Rica.

Seychelles. Quando gli esploratori scoprirono per la prima volta l’arcipelago delle 115 isole delle Seychelles, credettero di aver incontrato il Giardino dell’Eden. La sua popolarità sta crescendo, con un aumento del 20% delle visite turistiche nell’ultimo anno.

Cile. Un altro Paese sudamericano in rapida crescita è il Cile, che ha accolto il 20% di turisti in più nell’ultimo anno. I suoi diversi paesaggi e l’ambiente incontaminato lo rendono una destinazione ideale per le persone che amano le vacanze all’aria aperta.

Armenia. Nel corso della sua lunga storia (oltre 3.000 anni), l’Armenia è stata tormentata da diversi conflitti. Tuttavia ora il Paese registra una crescita del 18% nel numero di turisti, frutto della ricercata serenità geopolitica. Considerato che si tratta del primo Paese cristiano al mondo, molte delle attrazioni turistiche sono monasteri che risalgono a migliaia di anni fa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *