Vacanza in dolce attesa: è consigliabile? E con quali raccomandazioni?

Si può andare in vacanza in gravidanza? Sicuramente si! Viaggiare non è affatto vietato durante la dolce attesa e, anzi, è spesso in grado di portare dei concreti valori aggiunti. A patto, naturalmente, di seguire qualche consiglio basilare di buon comportamento: niente attività fisiche faticosa, si al riposo, al relax, al divertimento in serenità, in compagnia di amiche e del proprio partner. Una condizione che, se seguita con discreta attenzione, non solo non farà alcun male al bimbo, ma vi permetterà altresì di avere fantastici riflessi positivi per quanto concerne l’umore e il benessere.

Quando si può programmare una vacanza

Il periodo al quale dovete prestare maggiore attenzione durante la dolce attesa è sicuramente quello iniziale (i primi tre mesi) e gli ultimi due. Nei tre mesi centrali (dunque, il quarto, il quinto e il sesto mese) la futura madre potrà invece concedersi qualche svago in più, programmando magari un fantastico viaggio in compagnia del partner, della famiglia o degli amici. Naturalmente, parlatene sempre con il vostro medico di riferimento, visto e considerato che bisognerà valutare con lui quali sono le vostre reali condizioni di salute, e se il viaggio (e quale viaggio) può apportare dei cambiamenti.

Consigli per un viaggio in dolce attesa

Chiarito quanto precede, spingiamoci leggermente più in la ipotizzando quali potrebbero essere i suggerimenti più opportuni da seguire durante la dolce attesa. In primo luogo, vi suggeriamo di evitare qualsiasi località a rischio, ovvero quei posti in cui potreste prendere delle malattie o che vi richiederanno dei vaccini.

Pur con queste restrizioni, riteniamo che non avrete certo difficoltà nell’individuare qualche alternativa di riferimento per voi. Per esempio, se amate il mare potete scegliere le isole: dalla Sardegna alla Sicilia, dalla Grecia alla Spagna, avrete certamente l’imbarazzo della scelta. In linea di massima, privilegiate località che abbiano un clima mite e posti che siano dotati di buone strutture sanitarie. Il cibo deve essere sempre sicuro e controllato e in ogni caso la meta deve essere facilmente raggiungibile, e in poche ore rispetto al vostro domicilio. Per il resto… buon relax!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *