Veneto al primo posto in Italia per turismo estero

Sono più che soddisfacenti i numeri del turismo estero per l’Italia. E sono ancora più soddisfacenti i numeri per il Veneto, regione che si piazza al primo posto nel Paese per presenze internazionali, come sancito dagli ultimi dati forniti dal Sistema Statistico Regionale, sul primo semestre 2017, in relazione a quanto invece fu riscontrato nel corso dello stesso periodo dell’anno precedente.

Da un confronto dei dati emerge pertanto che per il Veneto il 2016 è stato un anno da record, con 17,9 milioni di arrivi e 65,4 milioni di presenze, e che il 2017 potrebbe essere ancora migliore.

Nella prima metà dell’anno, infatti, i dati all’interno delle strutture nella classe degli alberghi e dei campeggi vantano un + 8,3 per cento per quanto concerne gli arrivi e un + 8,1 per cento per quanto invece concerne le presenze, con un + 9 per cento per gli arrivi e un + 7,2 per cento per le presenze italiane, e con un + 7,8 per cento per gli arrivi e un + 8,4 per cento per le presenze straniere.

Tra i settori, è sicuramente il mare quello più attrattivo, con un incremento del 19,7 per cento nel primo semestre 2017 rispetto a quanto non fosse stato possibile rilevare nello stesso periodo del 2016. Bene anche il settore delle terme, con uno sviluppo del 7,9 per cento, e quello delle città d’arte, con un + 7,2 per cento. Sono invece più contenuti i progressi del lago (+ 4,3 per cento, ma dopo un 2016 in cui vi era stato un vero e proprio boom) e della montagna (+ 3,5 per cento, ma con un considerevole recupero di arrivi stranieri).

Passando poi all’analisi delle strutture ricettive, emerge come gli alberghi abbiano ottenuto una crescita del 7,5 per cento per gli arrivi e del 6,0 per cento per le presenze. I campeggi fanno segnare un + 17,3 per cento negli arrivi e un + 16,2 per cento nelle presenze.

Infine, si rileva come il più importante mercato turistico estero per il Veneto sia quello tedesco, con 4,8 milioni di presenze nella prima metà del 2017, contro 4,2 milioni nello stesso periodo del 2016.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *